Skip to content

Con le parole ovunque. Il primo libro sulla poesia di strada

Con le parole ovunque. Il primo libro sulla poesia di strada

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

“La poesia di strada nasce gettando parole tra le vie, pugni di semi nel vento.” ivan

“Con le parole ovunque. Poesia di strada e sovversione dello spazio urbano”, edito da Agenzia X, non è solo un libro. Queste pagine strappate dalle strade e dai muri, sono da ristrappare e rincollare su altre strade, su altri muri.


Scrivere poesie nello spazio urbano è una pratica che coinvolge migliaia di giovani in tutto il mondo, un’azione che si materializza in forme espressive di natura diversa nei luoghi abbandonati o sconosciuti delle città, una libera produzione letteraria in versi a beneficio di chiunque si trovi a passarci davanti.

Una scena artistica e sociale definita poesia di strada che non può restare compressa nelle pagine di un libro, ma deve debordare nella realtà cittadina per risignificare un quartiere, un angolo o una serranda.


Con le parole ovunque inizia il suo percorso con alcuni saggi teorici di Francesco Terzago e una straordinaria mappatura, illustrata a schede, curata da MisterCaos che raccoglie le esperienze più significative degli ultimi vent’anni. Si prosegue con una poesia inedita di ivan, gli estratti esilaranti tratti dal processo kafkiano che ha subito, una sua biofollegrafia realizzata con Marco Philopat in stile sperimentale e dedicata al poeta Nanni Balestrini, un glossario e un inserto fotografico sulle poesie murali scomparse. La caccia al tesoro che trovate al termine del libro è una proposta per continuare il viaggio tra festival e raduni pubblici per imprimere sui muri nuove pagine di poesia di strada.

Ordinabile tramite sito https://www.agenziax.it/le-parole-ovunque, in libreria e in formato ebook

Francesco Terzago è membro del centro studi universitario Inopinatum e dell’osservatorio Inward che si occupano entrambi di creatività urbana. Ha trascorso due anni in Cina a Guangzhou, studiando la street art. È tra i fondatori del collettivo Mitilanti.

MisterCaos è una figura di riferimento della poesia di strada italiana, la sua è una pratica artistica originale supportata da una ricerca estetica e storiografica.